Fedra, il collezionista e Piero Marussig

Cescutti Fabio
ISBN: 88-89219-22-X
80
no

8,00 

Disponibilità: 26 disponibili

Un collezionista di quadri attraversa una crisi e a cinquant’anni affronta un viaggio intellettuale che lo porta ad abbandonare la strada del possesso per quella della solidarietà. Scopre in una lettera di suo nonno una possibile parentela con Piero Marussig – il pittore (Trieste 1879-Pavia 1937) che lavorò nella Milano guidata dalla critica d’arte Margherita Sarfatti, musa di “Novecento” – del quale ha acquistato due opere.

Attraverso un dialogo metafisico con Fedra, la figura femminile che dà il titolo a un quadro di Marussig appeso a una parete della casa e quello reale con gli amici collezionisti, decide di organizzare una mostra in una sede fuori dal circuito museale: una casa di riposo, dove il collezionista conosce un’umanità per lui nuova. Lo scienziato Sabin ricordava un proverbio ebreo: se non pensi a te stesso chi lo farà? Ma se pensi solo a te stesso che cosa sei? Il romanzo assume anche contorni saggistici quando il protagonista assorto nei suoi pensieri ripensa alla storia della pittura e alla ricerca dell’artista il cui fine non è solo estetico, ma anche di comunicare e condividere le emozioni. Il bello è dunque amico del bene.

Pubblicazioni di Cescutti Fabio

Fedra, il collezionista e Piero Marussig

Ti potrebbero interessare

Quella soffitta in Cittavecchia

Pasquale Revoltella. Il barone si racconta

Il gelso dei Fabiani

Ritratto di Lili. Trieste, 1916

I CEDRI DI TRIESTE

Giovanin dei Usei e altre storie all’ombra della Rocca

La Torre di Salim

Pagine di sabbia

Tango per gli Dei

Daniela Mazzucato. La regina dell’operetta

Un ottobre a Trieste

Supplet Ecclesia e altri racconti