Lacroma, l’isola maledetta degli Asburgo

Stefania del Belgio
ISBN: 978-88-97271-71-1
60
si

13,00 

Disponibilità: 77 disponibili

Lacroma, l’isola maledetta degli Asburgo, è stato scritto dall’arciduchessa Stefania del Belgio, moglie sfortunata dell’erede al trono Rodolfo, morto a Mayerling in tragiche circostanze mai del tutto chiarite. Il libro, pubblicato nel 1892 da Adolph W. Kunast, Imperialregio Libraio di Camera e di Corte, molto probabilmente non è mai arrivato nelle librerie, ma è stato usato da Stefania per omaggi ad amici e parenti. Accanto al testo ci sono 23 disegni del pittore di camera dell’Imperialregia Marina Anton Perco che illustrano le bellezze dell’isola situata proprio difronte a Ragusa (oggi Dubrovnik).

Scrive Dario Fertilio nella prefazione: “C’è, nelle descrizioni dei luoghi notevoli di Lacroma, nella rievocazione quasi fiabesca degli avvenimenti storici che vi sono accaduti, nelle pennellate sentimentali sui tramonti, le albe, le rocce, la moltitudine delle piante, gli abbandoni spirituali e poetici dell’arciduca Massimiliano, qualcosa di inconfondibile. E cioè il vero gusto del viaggiare nello spazio e nel tempo, inteso come arte di perdersi… Un viaggio all’isola, fuori dalle facili raffigurazioni ad uso dei turisti, dovrebbe essere compiuto sulla scorta di una simile guida. Inattuale, e, proprio per questo, così intrigante”.

Nadia Pastorcich nella postfazione racconta tutte le disgrazie e le morti avvenute dal 1023 al 2007: “Lacroma è una vera e propria meta turistica per gli appassionati di racconti noir e per i più curiosi, che non temono la presenza di qualche spiritello. Oggi, il castello ospita l’Accademia Croata delle Arti e delle Scienze e il Museo di Scienze Naturali, mentre il complesso del famoso monastero Benedettino si può visitare. Avvolti nella tranquillità – non passano auto – è possibile anche passeggiare per l’isola; nuotare nel “Mar Morto”, un piccolo lago salato, alimentato da caverne sotterranee; vivere in simbiosi con la natura nella spiaggia naturistica, o incontrare i pavoni, pronti ad accogliere i turisti e accompagnarli in giro per l’isola. E se Miramare non vi basta, a Lacroma potete immergervi nel museo-parco botanico, voluto da Massimiliano, che racchiude centinai di tipi di piante e fiori esotici. Forse lì, il paradiso è rimasto”.

Pubblicazioni di Stefania del Belgio

Lacroma, l’isola maledetta degli Asburgo

Ti potrebbero interessare

Il Natale di Sissi

Trieste occulta. Storie nere ai tempi degli Asburgo

Vienna imperiale

L’unica

La prediletta

Maria Enrichetta

Il Tallero di Maria Teresa

Il mio passato

Ultimissime su Sissi

Maria Antonietta

Francesco Giuseppe I. Testimonianze

Come non fui imperatrice